La Casa della Memoria di Servigliano

associazione culturale per il recupero della memoria del Campo di Prigionia di Servigliano

Page 3 of 3

Presentazione del documentario breve “Quattro ufficiali a Garulla”

Venerdì 7 Aprile vi invitiamo ad Amandola, presso l’auditorium Virgili (Piazza Risorgimento) dove dalle 21 proietteremo il documentario breve di nostra produzione “Quattro ufficiali a Garulla”.

È la storia inedita di 4 ufficiali inglesi scappati dal Campo di Concentramento di Fontanellato di PARMA – subito dopo l’Armistizio dell’ 8 settembre – che furono nascosti, dopo una lunga fuga, dalle famiglie di Garulla sul Monte Amandola.

A cura di Giuseppe Millozzi e Giordano Viozzi.

Ingresso libero.

locandina-evento

Giornata della Memoria 2017

Il 27 gennaio, alla Casa della Memoria, ex-stazione ferroviaria, alle ore 21.00, condurremo una riflessione sulla persecuzione, sulla deportazione e sullo sterminio degli ebrei, e vivremo l’emozione di un concerto in una sede unica come la Casa della Memoria di Servigliano, ex-stazione ferroviaria, davanti al campo d’internamento degli ebrei che furono inviati a morire ad Auschwitz.

Leggeremo le testimonianze e ascolteremo la musica per riflettere su una tragedia che ci impone di fare i conti con il nostro passato, per capirlo e difendere l’identità di una società che vogliamo libera e democratica.

locandina-memoria-2017

La serata vedrà protagoniste due musiciste d’eccezione:
Loredana Totò, è di Santa Vittoria in Matenano (FM), diplomata in composizione, in pianoforte ed in strumentazione per banda presso il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro, ha frequentato il corso di direzione d’orchestra e seguito corsi di perfezionamento pianistici in Italia ed in Francia e corsi di composizione e di direzione orchestrale. Recentemente si è laureata in Didattica della Musica presso il Conservatorio “G. B. Pergolesi” di Fermo. Dopo essersi esibita come pianista in rassegne, concorsi e concerti, sia da solista che in formazioni cameristiche, da qualche anno si è dedicata alla composizione testimoniando interesse per formazioni cameristico-strumentali e corali. E’ membro dell’associazione Artemusi(C)a-Compositrici per le Marche con la quale collabora alla produzione e divulgazione di opere musicali. Insegna Musica nella scuola secondaria di I° grado.

Lolita Sorbini, è di Fermo, diplomata in violino presso il Conservatorio G. Rossini di Pesaro, ha perfezionato gli studi con la violinista Dora Bratchkova, ha suonato in varie formazioni che vanno dal duo, al quartetto d’archi e Orchestre da Camera e Sinfoniche. Ha frequentato corsi e seminari sulla didattica, musicoterapia e pratica musicale. Insegna violino e conduce laboratori musicali in scuole pubbliche e private. In seguito alla frequenza del Corso Nazionale sull’Apprendimento Musicale secondo la Music Learning Theory di E.E.Gordon è ora insegnante accreditato Audiation Institute, lavora come educatrice e ricercatore per la MLT di Edwin Gordon tiene corsi per bambini in asili nido, scuole pubbliche e private.

Vi aspettiamo a Servigliano, il 27 gennaio, ore 21.00, alla Casa della Memoria.

Qui l’evento Facebook.

2016-12-30-photo-00000031

Stiamo realizzando un nuovo documentario breve sulla fuga di alcuni prigionieri alleati dopo l’armistizio, rifugiatisi sulle alture di Amandola, precisamente a Garulla.

Una delle testimoni di quei fatti, Anna Guglielmi, ci ha però raccontato anche di un altro fatto: ci ha parlato della presenza di un soldato tedesco a Garulla, protetto prima da contadini poi dal prete Gioacchino Gramanti da rappresaglie naziste; la sua colpa era quella di essersi lasciato sfuggire dei prigionieri da un campo di concentramento (forse Sforzacosta, forse Servigliano) in cui era guardia.

Per ora non sappiamo di più. Qualcuno di voi può aiutarci? Ha altre notizie o conferme su questi fatti?

Benvenuti!

Un saluto affettuoso a tutti gli amici della Casa della Memoria di Servigliano.

Abbiamo finalmente un nuovo sito! Sarà il nostro principale organo divulgativo insieme alla fanpage Facebook. Non è ancora funzionale al 100% in quanto manca tutta la parte in inglese sulla quale stiamo lavorando ma… è un primo doveroso passo!

Pubblicheremo qui news che ci riguardano e condivideremo con voi le memorie di questo ex campo di prigionia, che ha vissuto in prima persona le maggiori tragedie della prima metà del ‘900.

Newer posts »